Centrali nucleari e comunicazione sul web.

mcc_ 180
February 20th
Marco Camisani Calzolari
z_Post
7 Comments


[source]

Perché le aziende Italiane non comunicano correttamente sfruttando i nuovi strrumenti messi a disposizione dal nuovo web?

Le risposte sono molte, ma è da qualche mese che trovo una “chiave di volta” ricorrente:

Il nuovo web è prevalentemente composto da piattaforme la cui parte tecnica è una commodity funzionale. Per citare un “vecchio” adagio, web 2.0 is about people, not about technology.

Tuttavia succede che quando si entra nel dettaglio, spunta un signor tecnico che pone vincoli e limiti tecnici su quel che si deve usare e quel che non si può usare. Specie quando l’azienda è grande.

Non c’è riunione di comunicazione (web) senza tre tecnici informatici in fila, con il mandato di verificare l’attuabilità della proposta!

Per esempio a volte è difficile far capire che un progetto di comunicazione sostenibilissimo, che vedeva al centro un blog basato su wordpress (deteminante in quel caso per efficienza/costi), non gira, per così dire, comodamente, su un sevrer Microsoft. Ma se nelle policy aziendali c’è scritto che si devono avere Microsoft, ciao WordPress. Internet, Intranet, blog, videosorveglianza, forum, partecipazione, sistemi informatici di centrali nucleari, collaborazione, tutto in un unico calderone. La logica perversa è: tutto gira su un Pc giusto? Quel che gira sui Pc qui lo decidono quei tre signori in fila… (nulla contro Microsoft, era solo un esempio di ossimoro tecnologico).

In altre parole, viviamo in un momento di transizione in cui i tecnici dell’Information Tecnology sono determinanti nelle scelte di comunicazione. Un po’ come se a dirigere un film ci mettessero un ingegnere nucleare.
Nelle scelte registiche della realizzazione di un film ci sono centinaia di aspetti tecnici di cui tener conto, ma sono gestiti, valutati, definiti, dal regista, non dall’ingegnere elettronico che progetta la telecamera.

La definizione delle caratteritiche tecniche che deve avere un sistema di video a circuito chiuso che tiene sotto controllo una centrale atomica richiedono una competenza diversa da chi deve progettare uno spot televisivo. In entrambi i casi si ha a che fare con tanta tecnologia, ma nel pirmo caso il mandato è quello di garantire l’affidabilità assoluta del sistema di videosorveglianza, nel secondo l’efficacia della comunicazione.

Il web sta spesso dalla parte dello spot televisivo, ma oggi chi decide quale telecamera usare e quale filtro ottico sono gli stessi tecnici che gestiscono la centrale nucleare.

Succede quindi che se lavori in questo mondo, quando proponi strumenti come PhpBB o WordPress, può capitare che un autorevolissimo tecnico di indubbia capacità, vincoli la progettazione del “forum” e del “blog” su piattaforma non linux.

Il manager che deve decidere si fiderà di voi o dell’autorevolissimo tecnico? Avrà chiara la differenza tra la centrale atomica e lo spot e le relative diverse competenze? E soprattutto quanto esigue sono le probabilità che scelga la soluzione B quando i tecnici gli “suggeriscono” che la soluzione A rientra nelle policy aziendali in termini di sicurezza e affidabilità?

Inoltre nelle grandi aziende la confusione è accentuata dal fatto che spesso internamente sono gestite attività di grande criticità basate apparentemente sulla stessa tecnologia con cui si fa un sito web: i computer, i server!

Ed ecco che una banca, quando dovrà scegliere quali strumenti utilizzare per la propria comunicazione online, a chi chiederà la consulenza tecnica? Avete indovinato, agli stessi tecnici che devono impedire a cracker ed hacker di entrare nei sistemi informativi della banca!

Chi desidera uno spot televisivo pretende che vada in onda con quelle caratteristiche, quel formato, a quell’ora. Non impone al regista di usare quella marca di macchina da presa o alla messa in onda di utilizzare quel determinato hardware. Lo spot deve “funzionare”.

Il web 2.0 con la sua natura “as a service” non si sposa con le vecchie logiche dei server “in house” e delle ridondanze. Ognuno il suo mestè (come disen a Milan). E i “mestieri” stanno cambiando, i ruoli e le responsabilità pure.

Tuttavia per ora, e temo per ancora qualche anno, i tecnici non dovrebbero occuparsi di comunicazione e chi si occupa di comunicazione dovrebbe conoscere un po’ di più le basi della “tecnologia”, almeno per distinguere il “video spot” dalla “video sorveglianza”.

feed facebook twitter linkedin youtube

Newsletter

  • Frequency

My Books

Il Mondo Digitale Facile per tutti

Fuga da Facebook
Impresa 4.0