Season Greetings!

mcc auguri
December 22nd
Marco Camisani Calzolari
z_Post
11 Comments

mcc auguri

Blogosfera italiana: condominiale e teledipendente.

mcc_ 180
December 21st
Marco Camisani Calzolari
z_Post
4 Comments

Nei “liberi pensieri esplorativi” di ieri, riflettevo su quanto percepissi la blogosfera italiana, sempre più condizionata dalla TV e dall’agenda dei media tradizionali in genere.

Un pensiero non articolato ne approfondito, ma fatto solo di esperienze quotidiane con cui de facto il mio aggregatore e i suoi contenuti sono pieni di blogger che citano e ricitano quanto la TV o i giornali “lanciano”.

OrdinaryLand ha invece tratto spunto dalla mia riflessione per scrivere un post ben articolato e documentato:

“L’agenda dei blog è realmente legata all’agenda dei media tradizionali? Osservando i dati odierni forniti da blogbabel e da Wikio, è evidente come una buona parte delle tag in uso sia legata a notizie di politica, cronaca o altro, mutuate da mezzi di comunicazione tradizionali (analogici?).

Come giudicare questo fenomeno? Potremmo considerare questo come un male: Internet offre fonti di informazione molteplici e diversificate, potenzialmente infinite e potenzialmente in grado di dare origine ad “agende” personalizzate, eppure siamo sempre legati all’agenda che ci viene fornita attraverso mezzi cartacei o catodici. Potremmo anche considerarlo un bene: la blogosfera talvolta esce dalla propria autoreferenzialità (io, il mio blog, noi, i nostri blog, il web etc etc etc) e parla di cose comuni.”

Continua qui.

Pensieri in libertà

mcc_ 180
December 20th
Marco Camisani Calzolari
z_Post
11 Comments

-Quando incrocio Twitter e la relativa lista di messaggini in terza persona, continuo a pensare che usato così sia uno strumento da grafomani digitali.

-E’ un periodo di feste. Tutti fanno gli auguri. La mia educazione globalizzata mi rende sensibile alle formule utilizzate. Buon Natale è molto diverso da Buone Feste. Nel mondo si usa il politically correct “season greetings”. Dagli auguri a volte si misura la secolarizzazione di un individuo.

-I miei commenti sono composti dal 90% di contenuti pensati e di buona cultura. Il rimanente 10% lo occupano i soliti tre nipiocerebri di basso livello.

-A tal proposito sto fotografando una blogosfera sempre più condominiale, e sempre più influenzata dall’agenda televisiva e dei media tradizionali.

-Sempre a tal proposito influenzano anche me quando leggo che Il 60% degli studenti italiani ignora perché viene la notte!

-Rabbrividisco quando sospetto che qualcuno di questi possa aver commentato sul mio blog. Tremo quando ne ho quasi la certezza: un certo Carlo Asili scrive: “Sicuramente non potrei mai diventare uno che usa due cognomi: quello di mio padre mi basta e mi avanza”. Non ho capito se il suo cognome è uin indizio che rivela una presa in giro, oppure se davvero pensa che io abbia preso in prestito, unendole, parti di cognome in giro per la famiglia… Così come il sole gira intorno alla terra…

Firmiamo.it cresce…

fir
December 19th
Marco Camisani Calzolari
z_Post
5 Comments

firwww.firmiamo.it continua a crescere.

Ogni giorno rilasciamo nuove features. Tra le più significative:

  • Adesso la lista firme di ogni petizione utilizza Google Chart e mostra in testa i dati aggregati di tutti i firmatari su sesso, titolo di studio e preferenze politiche. In questo modo sono disponibili dati che rappresentano le caratteristiche dei firmatari, per farsi un’idea più precisa su ogni singola raccolta firme.
  • Ogni “petizioniere” può scegliere se i propri firmatari dovranno confermare la propria firma via email per essere accettata oppure no.
  • Il disclaimer è stato rivisto e adesso è meno restrittivo.
  • Presto sarà attivato un sistema di messaggistica interna che permetterà ai firmatari di conversare tra di loro, anche sullla base della loro geolocalizzazione. Per esempio tutti i sostenitori di una petizione potranno scegliere di condividere idee e messaggi con chi abita fisicamente vicino. Grazie a questa carateristica sarà per esempio possibile organizzare flashmob o incontri fisici con chi ha le stesse idee.
  • Oltre alla versione USA e UK stiamo aprendo quella araba e quella spagnola.
  • Ogni nuova petizione viene segnalata automaticamente su Twitter.
  • Insomma, si lavora sodo…

    ‘A livella (culturale)

    mcc_ 180
    December 18th
    Marco Camisani Calzolari
    z_Post
    6 Comments

    Cosa fa un 22 enne in USA…
    (Mark Zuckerberg – Fonda FaceBook. Patrimonio personale stimato in circa 784 milioni di Euro)


    Cosa fa un 22 enne in ITALIA…
    (Marco Zuccherbergo – Affonda. Patrimonio personale stimato in circa 5 mila Euro di debiti dalla nascita)

    Vacanze digitali

    mcc_ 180
    December 18th
    Marco Camisani Calzolari
    z_Post
    5 Comments

    Il mio tour operator è ovviamente il web.
    Ho prenotato i voli su www.skyscanner.net
    Un Hotel su www.hotels.com
    Un altro hotel su www.ratestogo.com
    L’auto su www.sixti.com

    Milan Juice

    mcc_ 180
    December 17th
    Marco Camisani Calzolari
    z_Post
    1 Comment

    Con i miei studenti del Master IDTV dell’Università degli Studi di Milano, stiamo realizzando una prova finale che dimostri le potenzialità del nuovo web. L’obiettivo è quello di creare un finto prodotto da veicolare attraverso il web utilizzando solo strumenti open, free (o quasi) e accessibili a chiunque. Da WordPress come piattaforma aggregativa, sino ai vari accounts su Flickr, YouTube, Twitter, etc, saranno tutti parte del progetto. Alla fine dimostreremo come un’azienda possa realizzare un “impianto” web di grande impatto e dimensioni, senza dover spendere un Euro, a parte $1.99 del dominio .info.

    Tra gli obiettivi c’è quello di realizzare un video del prodotto e un altro video di backstage che mostri tutto quello che abbiamo fatto per raggiungere l’obiettivo. Il secondo sarà realizzato sulla base di screenshots che giorno per giorno prendiamo di ogni schermata significativa che ci passa davanti: dalla creazione degli account su Google, sino alle piccole modifiche al template di WordPress.

    Il nome è Milan Juice perché il prodotto sarà la (finta) vendita di viaggi a Milano, cercando di proporla come una località turistica invidiabile, ma evidenziando invece con le immagini la decadenza e le gravi difficoltà e in cui versa la città. Il contrasto dovrebbe far sorridere… L’idea di scegliere l’ambito turistico arriva da Maurizio Goetz, anche lui docente del Master.

    Gli studenti coinvolti sono: Marco Galimberti, Giorgio Ginex e Daniele Rollo.
    Questo il link all’under construction ancora in super Alpha.

    Se avete consigli vi dimostreremo gratitudine nei credits.

    Depressione digitale

    mcc_ 180
    December 16th
    Marco Camisani Calzolari
    z_Post
    8 Comments

    Mi sono un po’ stufato di condividere, conversare e partecipare…
    E’ normale dite?
    Forse è solo depressione digitale momentanea?
    E’ l’equivalente di “Non voglio più vivere, addio mondo crudele?”
    Saranno i ritmi elevati, le tante attività, la scrittura del libro che mi impegna, le ferie che si avvicinano…
    Mah…

    UPDATE: LA LETTERINA DI BABBO NATALE SCRITTA DA MARCO CATTANEO MI HA TIRATO SU! :)

    Ognuno, Qualcuno, Chiunque e Nessuno.

    scim
    December 12th
    Marco Camisani Calzolari
    z_Post
    3 Comments

    scimQuesta é la storia di quattro individui: Ognuno, Qualcuno, Chiunque e Nessuno. Cittadini Digitali. Dovevano risolvere gli importanti problemi della Rete e si chiese a Ognuno di occuparsene. Ognuno si assicurò che Qualcuno lo facesse. Chiunque avrebbe potuto occuparsene, ma Nessuno non fece mai niente. Qualcuno s’arrabbiò perché considerava che per questo lavoro Ognuno fosse responsabile. Ognuno credeva che Chiunque potesse farlo, ma Nessuno mai si rese conto che Ognuno non avrebbe fatto niente. Alla fine Ognuno rimproverò Qualcuno per il fatto che Nessuno non fece mai quello che Chiunque avrebbe dovuto fare.

    Non chiedetevi cosa può fare la Rete per voi ma chiedetevi cosa potete fare voi per la Rete.
    www.cittadinidigitali.it

    www.CittadiniDigitali.it

    citdig
    December 9th
    Marco Camisani Calzolari
    z_Post
    2 Comments

    www.cittadinidigitali.it
    citdig

    Oltre al gruppo su Facebook si è aggiunto il forum su cui discutere le varie proposte al fine di ottenere al più presto un documento condiviso.

    Quando avremo ottenuto la versione beta (perenne si intende…) sarà veicolato attraverso la prima forza politica che ci garantirà di sostenere i punti concordati dai Cittadini Digitali.

    Si tratta solo di concentrare le forze che sappiamo di avere. Il social web, le masse fatte di nicchie, la consapevolezza che sempre più frequentemente le opinioni si formano online e che attraverso il web è possibile avere i numeri per ottenere il supporto politico e legislativo che ci serve.

    Se offline regna la disillusione e la sensazione di non poter far nulla per svecchiare la politica, online invece è possibile. Si tratta solo di volerlo fare! In Italia ci sono almeno 30 milioni di individui che navigano su Internet. Di questi sappiamo che solo il 10% si può considerare attivo per come intendiamo noi. Ebbene, sono 3 milioni di individui!
    Se anche solo un decimo di questi, ovvero 300 mila persone partecipassero alla costruzione di un obiettivo comune, avrebbero un potere politico enorme, ben superiore a quello che hanno i singoli parlamentari attualmente eletti.

    Noi digitali possiamo avere concretamente quel potere. Per noi non è vero che “tanto non cambia nulla”. Noi abbiamo oggettivamente le armi per cambiare. Con la nostra forza potremmo cambiare l’Italia. Per ora vi invito a cambiare il modo in cui i politici legiferano sulla Rete, perché è il nostro territorio e parte della nostra vita si svolge online.

    Se buttiamo il cuore oltre agli ostacoli e alle liti “condominiali”, attivando conversazioni produttive, al posto delle solite improduttive liti interne, possiamo veicolare le nostre energie verso obiettivi comuni.

    Insieme, possiamo ottenere che quegli 8 punti diventino realtà.

    Andate su www.cittadinidigitali.it ed esprimete liberamente il vostro parere su una qualunque delle prime proposte, oppure aggiungete la vostra…

    ← Older
    feed facebook twitter linkedin youtube

    Newsletter

    • Frequency

    My Books

    Fuga da Facebook
    Impresa 4.0