Follow Me

VideoWebTown: 30GB gratis per i propri video

By admin_temp   /     Jul 28, 2006  /     z_Post  /     0 Comment


Ogni giorno nascono nuove piattaforme di hosting video che si avvicinano sempre di più alle esigenze dell’utente. L’ultima arrivata è VideoWebTown, offre 30GB di spazio video gratuito a partire da qualunque formato: AVI (Mpeg-1,Mpeg-2, Mpeg-4, DivX v3,v4,v5), Quicktime MOV, FLV, ASF, WMV. La piattaforma offre anche la conversione automatica dei propri video per PSP o per iPod.

Già, perché è questo che gli utenti vogliono. Piattaforme che banalmente siano capaci di fare quel che l’utente medio esige. Sollevandolo il più possibile da tutte le operazioni di conversione, trasferimento e gestione che spesso rappresentano un territorio riservato agli esperti.
Tutto qui.

Sapete perché in italia invece le poche piattaforme (noi facciamo solo quelle b2b) costano come prototipi di Shuttle e sono usabili come un Altair 8800?
Perché noi siamo convinti che l’utente medio non abbia un iPod in tasca e i video li produca solo col filmofonino.

Continue Reading Quick Read

Dabble, un motore per tutti i video

By admin_temp   /     Jul 28, 2006  /     z_Post  /     0 Comment

Dabble è un vero motore di ricerca per tutte le piattaforme di video hosting, da YouTube a Google Video.
Permette anche la creazione di una playlist personalizzata con video sparsi per le varie piattaforme. Per esempio questa è una playlist di video musicali.

Continue Reading Quick Read

La qualità dei contenuti

By admin_temp   /     Jul 26, 2006  /     z_Post  /     0 Comment


I nuovi spot della Apple che mettono a confronto MAC e PC sono la dimostrazione di quanto la tecnologia sia ormai una commodity nella produzione di audiovisivi per il digitale. Le produzioni dai budget milionari non sono più l’unica strada per farsi ricordare.
E’ altrettanto evidente quanto sia invece molto più importante la creatività e la bravura degli attori. Se l’avessero fatto in Italia l’agenzia avrebbe proposto qualche ex velina e il cliente sarebbe andato matto per quel fantastico accento regionale…

Continue Reading Quick Read

Video online in pochi secondi

By admin_temp   /     Jul 25, 2006  /     z_Post  /     1 Comment

Bellissimo Hellodeo, un servizio free per mettere online in pochi secondi un video girato con la propria webcam.
Tutto in modo semplicissimo, senza compilare form o altro. Basta cliccare su un bottone, registrare e poi copiare il codice html sulla propria pagina web. Ecco tutto. Un metodo davvero semplice per chi deve comunicare qualcosa al volo o per chi desidera fare vodcasting saltuario, etc.



Continue Reading Quick Read

Sperimentiamo insieme la videoparticipation?

By admin_temp   /     Jul 22, 2006  /     z_Post  /     0 Comment

Click.tv offre la possibilità (gratuita) di aggiungere, a qualsiasi video in flash presente online, i commenti dei videospettatori in sincrono col video.
Questo significa che per esempio potrete commentare una specifica parte del video e quando qualcuno lo riguarderà in futuro leggerà il vostro commento che apparirà nell’esatto istante in cui sarà riprodotta quella determinata parte del video che avete deciso di commentare.
Tutti i commenti scorrono in sincrono con la riproduzione del video per generare quindi una nuova forma di videopartecipation che funziona davvero.

Infatti Click.tv ha prodotto un’applicazione che funziona davvero bene. Lato utente perché è molto usabile, permette la visualizzazione onscreen di tutti i punti in cuiè stato inserito un commento e li divide per user che li ha lasciati. E’ così possibile cliccare sul nome di un utente e “saltare” direttamente con la timeline nel punto del video in cui è stato lasciato un commento, per poi proseguire con il tasto next a tutti i punti successivi. E’ un bel prodotto anche lato publisher perché consente l’utilizzo di qualunque video in flash presente in Rete, anche quelli di YouTube per esempio.

Ed ecco che come potrete immaginare, le possibilità diventano davvero molte e stimolanti. Per esempio è possibile applicare Clic.tv a un video destinato all’e-learning, dotandolo di una funzionalità molto potente. Infatti è possibile disabilitare i commenti degli utenti, generando così una sorta di sottotitoli che si prestano ad applicazioni di questo tipo.

E’ quando si incontrano applicazioni come questa che ci si rende conto di quanto sia importante conoscere tutte le possibilità offerte dai servizi web per poter scegliere il meglio per un progetto online. Come sapete non amo chi si occupa di comunicazione e marketing senza conosce a fondo le tecnologie. Nella fattispecie come potrebbe un creativo/comunicatore/merketer ma con scarse conoscenze tencologiche consigliare un’applicazione simile da inserire sui video aziendali o per l’e-learning? Anche se gli venisse in mente un simile prodotto partecipativo, i costi per realizzarlo in proprio sarebbero scoraggianti. Tuttavia ecco che invece click.tv esiste ed è gratuito.

Cultura, aggiornamenti e sperimentazione sono le basi del marketing digitale.

A tal proposito vorrei sperimentare con voi Click.tv sull’ultima puntata di DigiTalk perché credo si presta beni ai commenti in quanto contiene il meglio di sei mesi di programmazione quotidiana con le affermazioni di parecchi ospiti.

Cliccate sul tasto verde “ADD COMMENT” quando volete e inserite il vostro commento di prova.



Continue Reading Quick Read

Nuovi sillogismi

By admin_temp   /     Jul 21, 2006  /     z_Post  /     0 Comment

[Nella foto Leslie Nielsen - Alcuni sospettano che il famoso personaggio sia il vero Presidente dell'azienda omonima.]

– Nielsen//NetRatings eroga i numeri intorno a cui ruota (e vuole ruotare) il mercato dell’advertising in Italia e nel mondo.

– Nielsen//NetRatings in una recente ricerca sul Podcasting fa confusione sul significato del termine e afferma che i podcasters sono 9,2 milioni di individui. Sembra che non sappiano che per Podcasters si intendono i produttori o distributori del contenuto, non i fruitori/ascoltatori.

– Il mercato dell’Advertising è fortemente influenzato da chi non sa cos’è un Podcaster.

Continue Reading Quick Read

Nuovi modelli di business

By admin_temp   /     Jul 17, 2006  /     z_Post  /     0 Comment


In queste settimane sto preparando nuovi prodotti per il web. Si tratta di servizi online il cui modello di business è basato sulla pubblicità. I prodotti sono innovativi, il modello di business però no. Si basa quasi sempre sulla pubblicità.
Non c’è da stare allegri in un’epoca in cui la pubblicità generalista online paga molto poco e quella targettizzata non esiste perché, teorie a parte, il mercato non è pronto per vendere e produrre pubblicità per le nicchie.
Sino a quando le nicche non saranno aggregate sarà difficile produrre il contenuto pubblicitario a prezzi accessibili.

Ecco un nuovo pradosso di questi anni digitali.

Ecco perché amo i pionieri della Rete, quelli che mettono i soldi dove batte la loro lingua. Come dice un caro amico “put your money where your mouth is”.

Un esempio recente è Lulu.tv, dove gli utenti pagano $14,95 al mese e la somma dei “canoni” viene poi suddivisa proporzionalmente tra gli editori dei video più visti, tolto un 20% che trattengono i gestori.

Visionario? Può darsi. Però ricordate che solo pochi anni fa erano considerati visionari quelli che osavano sostenere che la musica si sarebbe comprata prevalentemente online.

Continue Reading Quick Read

Usate la testa…

By admin_temp   /     Jul 14, 2006  /     z_Post  /     1 Comment

Continue Reading Quick Read

DigiTalk 2

By admin_temp   /     Jul 11, 2006  /     z_Post  /     0 Comment


Finalmente qualcuno ha realizzato un nuovo talkshow sul digitale.
Non lo recensisco per non togliervi la sorpresa ;)
Ecco il link alla prima puntata sul Podcast.

-

Continue Reading Quick Read

Post pensieri

By admin_temp   /     Jul 10, 2006  /     z_Post  /     0 Comment

Post nel significato Latino di “dopo”. Mentre i pensieri sono quelli dell’ultima settimana che non ho potuto tradurre in bit per mancanza di tempo, ma non solo…

– La settimana scorsa mi è capitato spesso di elaborare pensieri critici per poi aprire il mio aggregatore RSS e scoprire che altri avevano avuto la stessa ispirazione e lo stesso pensiero. Con la differenza di averlo scritto prima di me.
Per esempio avrei voluto scrivere di quanto il mondo si divida in chi sa in che squadra gioca Buffon e in chi sa chi è Amanda Congdon, ma poi Luca Conti (non a caso mio autore a DigiTalk) è arrivato prima.
Potenza degli RSS ed evidente empatia coi feed aggregati. Nel 2006 capita spesso. Capitava anche prima, solo che non c’erano gli strumenti per venirne a conoscenza in tempo reale.

– Ho pensato che gli italiani stiano cambiando parecchio e che la globalizzazione dell’informazione visiva sta influenzando anche noi. Per esempio ho notato che festeggiamo in modo diverso (almeno da quanto vedo in TV). Adesso, quando festeggiamo nelle piazze davanti a una telecamera, saltelliamo in stile Irakeno. Quel su e giù di reni che entra nelle nostre case dal 2001 quasi quotidianamente ed era inevitabile che quel modo di saltellare influenzasse anche noi. Ehm… orse più noi degli inglesi ;)

– Ero curioso di sapere da dove provenisse quel motivetto “po-po-po-po-po-po-poooooo” che è ormai diventato l’inno della vittoria mondiale. Ho tristemente scoperto che è stato srcitto da un duo di Detroit che si chiama White Stripes. Che il nostro nazionalismo venisse rispolverato solo in occasioni calcistiche è cosa nota, tuttavia avrei voluto veder sventolare tutte quelle bandiere tricolore su qualche motivo di Giuseppe Verdi.

La ricerca ABM AMRO di qualche settimana fa, da cui si evince che una vittoria dell’Italia ai mondiali porterà a una crescita aggiunta del suo PIL in misura dello 0,7 per cento rispetto all’anno scorso, ha risvegliato il mio tifo calcistico.

– Ho pensato che pur amando le “soluzioni digitali”, non ho apprezzato le scelte di Di Pietro, che ha deciso di attivare l’operazione trasparenza del Ministero delle Infrastrutture sul suo blog invece di usare quello preposto, ovvero quello ufficiale del Ministero. In questo caso sono però influenzato dall’affetto che provo ancora per il sito www.infrastrutturetrasporti.it di cui mi sono occupato nel 2004/2005.

– Last but not least, questa settimana ho incontrato molti individui dal prensiero Truistico.

Continue Reading Quick Read